Il significato del nome Themis & Metis

THEMIS

Themis è una delle più antiche dee della giustizia in Grecia. Il suo nome significa “l’irremovibile” e veniva invocato a protezione dei giuramenti e a suggello della loro serietà. Essa è la personificazione della Giustizia intesa come governatrice dell’ordine che si esprime non solo nel diritto ma anche nel procedere naturale delle cose. In quanto tale è chiara, inflessibile, inesorabile, perché il giusto non cede a compromessi con la singolarità relativa degli eventi. Essa regge sovrana come un valore superiore inderogabile, come lo sono la vita e la morte, il nascere e il morire, inarrestabili nella perfezione del ritmo naturale del cosmo.

METIS

Mètis, dea molto potente della mitologia greca, personificava la saggezza, la ragione, l’intelligenza, capaci di individuare il percorso migliore per la soluzione vittoriosa dei dissidi della vita. Il suo nome può tradursi con “prudenza” ed è ad Ananke che si oppone, ossia alla “fatalità”. Ulisse è l’eroe che ne è dotato per eccellenza, perché mètis governa tutte le azioni che portano l’uomo a sapere fronteggiare forze ostili e troppo potenti per essere dominate direttamente. Essa rende capaci di realizzare le potenzialità nascoste dal caso e portarle in atto rifiutando il destino. E’ dotata del potere di trasformarsi in una molteplicità di forme e di sottrarsi alla minaccia e al pericolo della sua estinzione. Quando la giustizia sembra essersi dissolta la sua metamorfosi ne assicura la permanenza eterna, indistruttibile, trionfatrice e proprio nella specifica individualità della nostra vita.

Josephine Nicolaci