Francesca Scoleri

Maria Elena Boschi se ne deve andare. Suoi interessi i medesimi della massoneria toscana

“Massone dillo a tua sorella”. Rispondeva cosi Maria Elena Boschi al Senatore Castaldi del M5S che l’accusava di praticare “accordi massonici” per abitudine familiare. Ma al sottosegretario Boschi piaccia o meno, la massoneria è fortemente presente nelle vicende legate alla sua famiglia e alla banca per la quale si è tanto prodigata. Chiediamo dimissioni ormai tardive.

Di nuovo conflitti di interesse che allontanano la politica dai problemi dei cittadini, di nuovo la famiglia Boschi, di nuovo Banca Etruria nota da sempre come “la banca di Gelli” per via delle quote versate dai massoni che si affiliavano alla P2, proprio nell’istituto aretino.

Era Licio Gelli a controllare  i vertici della banca piegandola agli interessi degli amici; finanziamenti  incondizionati senza garanzie e senza meriti creditizi. Una gestione inquietante non solo dal punto di vista del rischio economico che pure ha presentato il conto.

Negli anni 80, la banca fa da sfondo a morti avvolte tutt’oggi nel mistero; Mario Lebole, industriale legato al maestro venerabile e consigliere di banca Etruria, viene trovato ucciso nella sua casa di Arezzo. Un colpo di pistola alla tempia. Emilio Mannucci, vicepresidente di Etruria Leasing, viene  trovato impiccato nella campagna di Reggello.Il caso viene archiviato sotto la parola “suicidio” ma la famiglia è convinta che sia stato ucciso.

Dopo la gestione trentennale di Elio Faralli, grande amico fidato di Licio Gelli, banca Etruria passa alla nuova stagione che vede Pier Luigi Boschi protagonista insieme ad altri manager chiacchierati nell’ambiente aretino, luogo ad alta densità massonica.

E chi sono i confidenti e i fidati consiglieri ai quali si rivolge papà Boschi  sulla gestione di banca Etruria  e sulle nuove eventuali nomine da portare in consiglio d’amministrazione ? Un nome: Flavio Carboni, personcina molto a modo. Le inchieste giudiziarie che lo hanno coinvolto dicono che nella sua vita ha intrattenuto rapporti con la crème de la crème della storia nera del nostro Paese: da Licio Gelli a Pippo Calò curando gli interessi di soggetti come la banda della magliana e i boss corleonesi.

Questa è l’aria che respira Maria Elena  Boschi; d’altronde le origini stesse della Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, che risalgono al lontano  1882, sono ascrivibili ad esponenti della massoneria toscana che l’avevano chiamata “Banca Mutua Popolare Aretina”.

Ed è  il caso di rammentare cosa ha rappresentato la P2 nella storia del nostro Paese; Tina Anselmi non aveva dubbi definendola “una vera e propria organizzazione criminale” di cui han fatto parte soggetti che hanno ricoperto cariche istituzionali dentro il Parlamento e addirittura, dei Giudici costituzionali.

Ma la storia non si è interrotta. Oggi dentro al Parlamento c’è Maria Elena Boschi; un passato da chirichetta, catechista e  Madonna nei presepi viventi del suo paesello, Laterina, ma della cattolica praticante conserva solo la parvenza.

Non c’è traccia infatti di dedizione al bene comune, ad una politica che faccia intravedere benefici per la collettività. Tutt’altro. Chiunque abbia pensato a lei come al volto nuovo della sinistra italiana, ha preso l’ennesima cantonata.

La ricostruzione, in parte della magistratura, in parte della commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario, racconta di un ministro (all’epoca dei fatti contestati era ministro per le riforme costituzionali e i rapporti col Parlamento) che occupava il suo tempo intrecciando incontri finalizzati  a mettere a punto favori di cui avrebbero beneficiato soprattutto i suoi familiari, tutti azionisti di banca Etruria.

La Boschi stessa  deteneva azioni della banca in questione, ben 1.557. Un conflitto d’interesse che fa impallidire persino Silvio Berlusconi. Ma com’è potuto accadere che sul tavolo del consiglio dei ministri, sia arrivato un decreto che fra le altre cose, sollevava  la figura del padre da responsabilità che dopo pochi mesi, si sono presentate e sono rimaste impunite ? Una piccolissima norma che la chirichetta Boschi ha scritto personalemente.

Che differenza c’è fra le azioni intraprese da Maria Elena Boschi e quelle perseguite da Licio Gelli ? In nome della salvaguardia personale, dei propri privilegi conquistati turbando la vita democratica quanto la legalità, della segretezza su banca Etruria, mangiatoia del potere toscano, gente come la Boschi calpesta la dignità degli onesti.

Pier Luigi Boschi, colpito da dieci indagini in due anni, deve rispondere di reati gravissimi quali “turbativa d’asta, estorsione, dichiarazione infedele e omesso versamento dei contributi” e l’azione di controllo di Banca Italia, ha rilevato 17 milioni spesi in consulenze “inutili”.

Cercando di calarsi nella parte, ma come si arriva a spendere 17 milioni di euro in consulenze ? Ma nemmeno se fossero fatte dalle migliori menti che l’umanità abbia mai partorito potremmo arrivare a contemplare simili cifre.

Da annotare che fra i debitori di banca Etruria, troviamo anche lo zio della Boschi; ha ottentuto 10 milioni di  finanziamento senza alcuna garanzia. Ovviamente non li ha più restituiti.

Questo livello vergognoso di disuguaglianza, manifestato pienamente nell’emanazione di leggi  finalizzate a esigenze di pochi, anche e sopratutto al fine di raggiungere l’impunità da reati gravissimi commessi, per noi è inaccettabile. Non è la prima volta che l’arroganza del potere si impone dentro le istituzioni, luogo in cui sono scomparsi i problemi gravissimi che i cittadini incontrano ogni giorno e per questa ragione, ci facciamo promotori di azioni che incoraggino le dimissioni del sottosegretario Boschi.

Un ministro, indiscusso braccio destro dell’allora premier Matteo Renzi, che avvicina personalità in grado di influenzare il corso della giustizia, lo fa nella piena consapevolezza che l’approccio è di palese abuso di potere. Siamo davvero nauseati da simili comportamenti. Vogliamo una classe dirigente che si occupi di far crescere questo Paese e di ridurre le disuguaglianze sociali.

Maria Elena Boschi deve dimettersi e concludere la sua vita politica.