Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri, traditori, non è vittima, è complice.

- George Orwell
Rimani Aggiornato
Dona a Themis & Metis

Il significato del nome Themis & Metis

Themis è una delle più antiche dee della giustizia in Grecia. Il suo nome significa “l’irremovibile” e veniva invocato a protezione dei giuramenti e a suggello della loro serietà. Essa è la personificazione della Giustizia intesa come governatrice dell’ordine che si esprime non solo nel diritto ma anche nel procedere naturale delle cose. [...]

Continua

Tesserati a Themis & Metis

Siamo al nostro terzo anno di vita e l’intento è quello di condividere con chi ci segue e con chi deciderà di farlo da oggi in poi, momenti di informazione, di buone proposte, di denunce e soprattutto di lavoro per l’affermazione della Giustizia, quella vera e autentica come indica il nome della Dea Themis: “L’irremovibile, la personificazione della Giustizia intesa come governatrice dell’ordine“.[...]

Continua

La Cultura della Mediazione Come Prevenzione di Bullismo e Violenza

Il progetto - nato dalla Convenzione stipulata tra l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, l’associazione Gemme Sezione italiana, si propone di far fare esperienza diretta della cultura della mediazione ai ragazzi così da prevenire gli odiosi episodi di bullismo, nonché quelli altrettanto deprecabili della violenza di genere. [...]

Continua

Difesa dei Diritti Civili

La Giustizia, naturale premessa della vita associata, si fonda principalmente sulle libertà fondamentali (di pensiero e di espressione, di coscienza, di riunione, di proprietà, ecc).

Di conseguenza, l’esercizio concreto di queste libertà e dei relativi diritti, si configura come il principale indicatore sociale della presenza di uno Stato Giusto.

Non sempre questo avviene fluidamente. [...]

Continua
Condividi Themis & Metis

L’unica fiaccolata della mia vita

Era venerdì 29 marzo 2002. Il reggimento MSU di Sarajevo in quel momento veniva comandato virtualmente da Napoli, infatti il titolare, colonnello Cotticelli, era scappato in Italia. Due cogenti motivi: pas...

Continua la lettura...

Quel brindisi all’uccisione di Ninni Cassarà

Quel 6 di agosto del 1985, mi ero ritagliato un giorno di vacanza. Avevo ospiti Massimo Del Pra, sua moglie Anna, sua sorella Giorgia di 15 anni, ed i loro due bambini di sette e cinque anni. Il giorno pri...

Continua la lettura...

La solidarietà di Aisha Gheddafi

Sono un ingenuo neofita dei social media e prima del 10 dicembre avevo solo 25 amici su facebook. Dall’ “incidente” Sorelle Napoli, da quando cioè come il bambino di quella favola ho rivelato che il re è n...

Continua la lettura...

TV Spazzatura? Magari!

Confesso di non avere mai visto trasmissioni come il Grande Fratello, L’Isola dei Famosi, Maria De Filippi, etc. etc. Qualche anno fa me ne vantavo con una mia amica, insegnante di uno dei più frequentati ...

Continua la lettura...

Matteo Messina Denaro – Giacomo Di Girolamo: gli “Invisibili”

In quanto criminologo  fai-da-te, abitualmente ho a  che  fare con criminali incalliti  e serial  killer. In questa mia  veste ho recentemente captato un fattaccio palesato  ai militari dell'arma  il  gior...

Continua la lettura...

Mezzojuso, la mafia, i pascoli.

La presa di coscienza di tutti i siciliani onesti del pericolo mafioso, avviene con l’uccisione del Generale dalla Chiesa (Palermo 3 settembre 1982). Spuntano dai balconi dei palazzi di Palermo lenzuola...

Continua la lettura...
Vai al Blog